PARROCCHIA

SAN LUCA

ARTE E SPIRITUALITÀ

La struttura odierna della chiesa di San Luca Evangelista ha un aspetto moderno, è molto alta ed è composta da una navata centrale e da una piccola navata laterale sulla parte destra che conduce al tabernacolo.

L’entrata è posta sulla piccola piazzetta del paese.

Sulla parte sinistra della navata principale si trova un piccolo presepe con statuine di terracotta che viene scoperto soltanto durante il periodo di Avvento.

L’altare, preceduto da due scalini, è frontale, di marmo, molto semplice. Alla sua sinistra c’è una tela che raffigura la Beata Cristina in estasi, protettrice della vallata di Lucoli e sulla destra un’altra tela che riproduce San Gabriele dell’Addolorata, protettore dell’Abruzzo.

Sull’altare, in una teca, è contenuta l’antica croce processionale, unico pezzo antico che ci è pervenuto dalla chiesa precedente. Nella stessa teca si trovano le reliquie di San Luca, di Madre Teresa di Calcutta e una bella corona e un panno appartenuti alla Beata Cristina da Lucoli. Sopra la teca sono riportati gli stemmi di Giovanni Paolo II e della Diocesi di L’Aquila.

L’altare è incorniciato dalle statue della Madonna Addolorata e di San Luca Evangelista e sormontato da una bella raffigurazione in affresco della Creazione dell’uomo.

In fondo alla navata laterale si trova il tabernacolo con dietro una raffigurazione, in terracotta, dell’Ultima Cena di Leonardo da Vinci. Procedendo verso l’uscita si trova la statua di Maria Bambina, che viene portata in processione l’8 Settembre (festa della Natività della Beata Vergine Maria) e la statua di Sant’Antonio di Padova. Tale statua, molto venerata in questa frazione, nella chiesa ormai distrutta era posta all’interno di una grande teca ed era usanza che le giovani donne non sposate prendessero posto nei banchi posti ai suoi piedi. Attualmente, vicino questa statua, si trovano il fonte battesimale di marmo e il confessionale ligneo.

Sulla porta di entrata si trova il quadro della Divina Misericordia, festa istituita da Giovanni Paolo II e fissata alla prima domenica dopo Pasqua.

Anche all’esterno la chiesa è abbastanza moderna e pochi anni fa, vicino l’entrata, è stata posta una statua del Beato Papa Giovanni XXIII.

 

versione stampabile (.pdf)